guaraldi editore

Laboratory for a new book economy

Genere:Storia filosofia religione  anteprimaAnteprima
Autore:Giuseppe De Lutiis
Titolo:

L'industria del santino

 

La dinamica del processo di industrializzazione ha intaccato a fondo le tradizioni religiose nei paesi a tecnologia avanzata e quindi anche nel nostro. Ma in Italia, paese di grosse contraddizioni, resistono ancora forme arcaiche di cristianesimo pagano che la Chiesa, pur tentando prudentemente di escludere dalla propria immagine, utilizza dal punto di vista liturgico ed economico. È una forma di mistificazione ideologica e di commercializzazione del sacro che sollecita a modi di partecipazione confessionale sempre più passivi. Manovrando abilmente la molla dei bisogno di protezione, sempre presente nelle classi povere e non politicizzate, questo cattolicesimo deteriore è riuscito a impiantare un sistema organico di richieste e concessioni che porta ai totale controllo di un intero settore della popolazione. La grazia istituzionale si sviluppa così come virtù autonoma e condizione di salvezza in cambio dell'obbedienza e della sottomissione all'autorità. Il povero diventa abbondante e docile materia prima; il giro di affari si allarga e, all'insegna del pietismo e del paternalismo, si sviluppa una vera industria della carità. L'orfano, il negretto, il diseredato vengono recuperati come specchietti per le allodole e buttati sulla piazza con la stessa indifferenza con cui in altri-campi del mercato dei consumi vengono utilizzati il nudo, il sesso e la giovinezza. Partendo dall'analisi di quegli imponenti supermarket del sacro che sono i Santuari per concludere col «santino postale», l'ultimo e più raffinato espediente per «capitalizzare» la devozione popolare che si basa sul principio squisitamente manageriale proprio delle nuove tecniche di «mailing», la ricerca di De Lutiis è ben lontana dal ricalcare le orme del fanatico e sterile anticlericalismo dei primi del secolo, inducendoci ad una continua sollecitazione politica, prima ancora che morale, che coinvolge ognuno di noi, credente o meno. E non a caso questa indagine — si può ben dire «dissacrante» — si apre ricostruendo il primo e più autentico boom del dopoguerra italiano: quello dei miracoli, per cui nel '48, alia vigilia delle prime elezioni politiche, decine di madonne si misero a lacrimare e a viaggiare da un capo all'altro della penisola, spaventate evidentemente dalla prospettiva che dalla Resistenza potesse nascere una società diversa, con meno pellegrini e più giustizia.

Data di pubblicazione:

marzo 1973

Pagine:

220

 
Rilegatura:

brossurato

 
seleziona il formato